EDIL 2013 – Partecipazione da parte dell’ Ordine degli Ingegneri di Bergamo

PARTECIPAZIONE ALLA FIERA DELL’EDILIZIA CHE SI TERRA’ NEI GIORNI 4-5-6-7 APRILE 2013 PRESSO LA FIERA DI BERGAMO IN VIA LUNGA.

EDIL 2013 – Partecipazione da parte dell’ Ordine degli Ingegneri di BergamoL’Ordine intende presentare attraverso lo stand e le manifestazioni promosse durante l’apertura della fiera i temi relativi alla prevenzione degli eventi naturali e antropici che producono danni, spesso irreparabili, alla Comunità e al Territorio.

Il messaggio, che prende spunto dalla rinnovata sensibilità di salvaguardare il Territorio, è rivolto a tutta la Comunità ma in particolare agli amministratori e ai colleghi ingegneri che visiteranno la Fiera.

Premesso che ogni anno si scrivono bilanci negativi e spesso dolorosi per la Comunità in conseguenza ad eventi calamitosi che coinvolgono persone e beni materiali e che troppe volta si piangono vite umane ricordando con rincrescimento alle azioni che potevano essere promosse preventivamente per limitare i danni provocati da tali eventi, si vuole cogliere l’occasione della fiera per offrire uno spunto di riflessione sulla necessità di investire sulla prevenzione.

E’ noto in particolare che il nostro Paese è frequentemente impegnato a curare le ferite provocate dai terremoti, dalle alluvioni, dagli incendi, dalle frane, dalle valanghe, dalle trombe d’aria e dai disastri ambientali provocati dall’uomo stesso.

Ecco dunque l’importanza di proporre un percorso virtuoso che preveda innanzitutto una forte sensibilizzazione sull’importanza di prevenire le catastrofi e in secondo luogo la formulazione di un robusto programma di azioni concrete che nel tempo possano diminuire gli effetti negativi degli eventi sopra descritti.

In sintesi questi sono i contenuti che si vogliono porre all’attenzione dei visitatori della fiera.

  • La prevenzione è responsabilità e rispetto nei confronti delle generazioni future in quanto unica possibile azione efficace per il controllo dei rischi;
  • Per attivare azioni efficaci di prevenzione dei rischi servono innanzitutto convinzione e la spinta etica che porta a impiegare le energie proprie e quelle della Comunità; tale sensibilità deve essere accompagnata da competenza, esperienza e preparazione scientifica;
  • Gli ingegneri mettono a disposizione della comunità assieme a tutte le altre componenti della filiera decisionale la loro capacità per garantire il buon esito delle azioni di prevenzione e per guidare, a seguito dell’esperienza che loro stessi hanno maturato nella trasformazione del territorio, la programmazione del percorso più virtuoso.

Un momento particolare sarà dedicato a un incontro con i colleghi per condividere una riflessione sulle prime azioni da promuovere per prevenire i dissesti; è previsto un intervento dell’Ing. Claudio Merati che illustrerà brevemente quali sono gli ultimi orientamenti riguardanti il rischio idrogeologico in provincia di Bergamo; a seguire l’attore Emanuele Turelli racconterà con la passione che contraddistingue il suo lavoro la storia della tragedia del Gleno.

Durante le giornate della fiera saranno organizzate presso lo stand alcune manifestazioni con ingegneri che hanno maturata esperienza nella tutela del Territorio e in particolare nella prevenzione degli incendi, delle alluvioni, del sisma e delle frane; fra queste ci preme evidenziare il momento nel quale si rincontreranno i colleghi ingegneri che hanno partecipato come volontari ai primi rilievi nei territori abruzzesi ed emiliani colpiti nei mesi scorsi dal sisma.