Pianeta Gourmarte 2a edizione

I “Maestri del Gusto”, i “Custodi del Gusto” e gli “Esploratori del Gusto”. I migliori cuochi nel ristorante più stellato d’Italia. Il debutto del Canton Ticino, con la presenza dei suoi più autorevoli protagonisti della produzione agroalimentare. Gli eventi, i laboratori e i convegni. L’assegnazione della 5° edizione del Premio Luigi Veronelli

 IL MENU DI PIANETA GOURMARTE

Nella zona esposizione-degustazione, si trovano i “Maestri del Gusto”, i “Custodi del Gusto” e gli “Esploratori del Gusto”, ciascuno in uno spazio adeguatamente attrezzato per poter accogliere il visitatore che intende assaggiare il prodotto selezionato a monte dalla commissione formata da esponenti di primo piano della critica enogastronomica nazionale ed esperti conoscitori della realtà lombarda.

Nello specifico, i “Maestri del Gusto” sono le aziende che si sono messe in luce per l’elevata qualità di quanto producono, per l’etica e le capacità imprenditoriali e progettuali dimostrate nel corso degli anni. Tra le cantine, hanno già confermato la presenza: Barone Pizzini, Ca’ del Bosco, Berlucchi e Contadi Castaldi e Bellavista per il Franciacorta Docg; Frecciarossa per l’Oltrepo’ Pavese Doc; l’ Azienda Agricola Provenza di Desenzano del Garda (BS) per il Lugana Doc; ; Tallarini e Le Corne per il Valcalepio Doc; la Cantina Sociale di Quistello (MN) per il Lambrusco mantovano Doc; Mamete Prevostini per lo Sforzato Docg. Tra gli altri prodotti, le grappe di Denis Trade di Sarnico (BG); la mostarda di agrumi di Fredo di Caldenazzo (Ticino, CH); il riso Carnaroli dell’Azienda Agricola Salera di Martinengo (BG), il prosciutto crudo della Val Seriana di Ca’ del Botto di Ardesio (BG); il torrone della Pasticceria Morlacchi di Zanica (BG); la tartare di bue piemontese del Ristorante Macelleria Motta di Bellinzago Lombardo (MI); il Grana Padano Dop della Zanetti di Lallio (BG); il Salame Ecumenico della Corte dell’Oca di Mortara (PV); il pane di Bergamo dell’Associazione Panificatori di Grassobbio (BG). Tra i caseifici e gli affinatori di formaggi: Taddei per il Taleggio; la Cooperativa Agricola S. Antonio in Valtaleggio per lo Strachitunt; CasaArrigoni per il Roccolo; la Latteria Sociale di Branzi per il Branzi FTB; I Quattro Portoni di Cologno Al Serio (BG) per l’eccellente Blu di Bufala.

I “Custodi del Gusto” sono i contadini, gli allevatori, gli artigiani o i vignaioli che hanno mantenuto viva una tradizione strettamente legata al territorio ed al modo di interpretarlo. Saranno a disposizione del pubblico il Bitto Storico dei produttori delle Valli del Bitto della Val Gerola (SO); i salumi di Migliorati di Cremosano (CR) e di Carlo Casati di Sartirana di Merate; il Bagoss della Cooperativa Valli di Bagolino; la bresaola di Madesimo del laboratorio Ma! Officina gastronomica; i caprini di Fabio Bonzi di San Giovanni Bianco (BG); i preziosi tartufi dell’Associazione Tartufai bergamaschi di Spirano (BG); lo “stracchino del bélo ecc” di Arrigoni Sergio Formaggi di Almè (BG);  il “Salam nell’ Ola” dell’Azienda Agricola Al Berlinghetto di Berlingo (BS); i vini firmati Nino Negri (Chiuro, SO), Giorgi (Canneto Pavese, PV), Costaripa (Moniga del Garda, BS), Sant’Egidio (Sotto il Monte, BG) e Castello di Morcote (Vico di Morcote, Ticino, CH); la golosa selezione di gelato al cioccolato della Gelateria naturale Cool di Concorezzo (MB); il delizioso miele di rododendro di Gino Lorenzo Mazzuccheli di Osio Sotto (BG); il pane di lievito madre del forno F.lli Longoni di Carate Brianza (MB); il Moscato di Scanzo Docg di Biava di Scanzorosciate (BG); la tipica “turta de trei” della Gelateria Caffè Milano di Treviglio (BG); la birra artigianale di La Pinta, Birrificio indipendente Elav e quella del Birrificio Maspy, entrambi di Bergamo; il Formai de Mut della Latteria Sociale di Valtorta (BG).

Gli “Esploratori del Gusto” sono le realtà di produzione appannaggio di imprenditori lombardi che hanno investito energia e sapienza fuori dai confini regionali o quelle aziende commerciali che, avendo base in Lombardia, si sono distinte per avere svolto un’opera di divulgazione di prodotti particolarmente ricercati provenienti dai territori d’origine. A Pianeta GourMarte si potranno assaggiare il Jamon iberico Pata Negra importato da La Fenice di Grassobbio (BG); i prodotti dell’ortofrutticola La Collina di Padenghe sul Garda (BS); il caviale Calvisius di Calvisano (BS);  la carne chianina biologica dell’Azienda Agricola Le Comunaglie di Ligonchio (RE); i funghi della CI.DI.A. Di Bergamo; l’Espresso Professional Blend in lattina dell’Art Caffè torrefazione di Fornovo San Giovanni (BG); il polpo fresco del Mediterraneo al vapore della Orobica Pesca di Bergamo; l’Ovada Docg “Vigneto Ninan” 2009 dell’Azienda Agricola Rossi Contini di Ovada (AL); il Barolo Docg 2008 Vigna Colonnello dell’Azienda Agricola Bussia Soprana di Monforte D’Alba (CN); il Malcantone Rosso dei Ronchi 2009 DOC della Cantina Monti di Cademario (Ticino, CH); il Chianti Riserva Docg Vigna Santa 2007 della F.lli Pellegrini di Cisano Bergamasco (BG) e i grandi rossi del Podere Forte di Castiglione d’Orcia (SI).

La zona dedicata alla ristorazione sarà invece appannaggio degli “Interpreti del Gusto”, cuochi e ristoratori scelti secondo criteri individuati a seconda delle attitudini e della specializzazioni. Avranno a disposizione cucine perfettamente attrezzate dove poter realizzare al meglio e in diretta i piatti che verranno serviti nel ristorante creato per l’occasione (le cucine saranno a vista). Si tratterà di un ristorante “finito e completo”, dotato di accurata mise en place e servizio di livello. Il visitatore, acquistando dei buoni ad un prezzo di assoluta convenienza rispetto al costo normalmente praticato nei rispettivi ristoranti (15 euro per i piatti salati e 10 euro per i dolci; sempre con l’abbinamento di un calice di vino scelto ad hoc per il piatto prescelto) potrà ritagliarsi un percorso gastronomico “ad personam” scegliendo tra i piatti che sono diventati l’emblema della storia gastronomica e della ristorazione lombarda, passata e presente, tradizionale e moderna. Hanno già confermato la loro presenza i fratelli Cerea del ristorante da Vittorio di Brusaporto (BG); Claudio Sadler del ristorante Sadler di Milano; Philippe Leveillè del Miramonti L’Altro di Concesio (BS); Andrea Berton del Ristorante Berton di Milano; Fabio Pisani ed Alessandro Negrini del Luogo di Aimo e Nadia di Milano; Enrico Bartolini dell’omonimo ristorante all’interno del Devero Hotel di Cavenago Brianza (MB); Giancarlo Morelli del Pomiroeu di Seregno; Andrea Mainardi dell’Officina Cucina di Brescia; Stefano Masanti del Cantinone di Madesimo (SO); Tano Simonato di Tano Passami l’Olio di Milano; Vittorio Fusari della Dispensa Pani e Vini di Adro (BS); Mattias Peri dello Chalet Mattias di Livigno (SO);  Daniel Canzian del Daniel di Milano; Stefano Cerveni del Due Colombe di Rovato (BS); Nadia Vincenzi del ristorante Da Nadia di Castrezzato (BS) e i pasticceri Iginio Massari della pasticceria Veneto di Brescia e Gianni Pina della pasticceria Pina di Trescore Balneario (BG).

A impreziosire la schiera dei cuochi, dai rispettivi successi all’estero, anche la presenza di Umberto Bombana e del suo staff del ristorante tristellato Otto e Mezzo di Hong Kong, e Mario Gamba, più volte eletto migliore interprete della cucina italiana in Germania con il suo Acquarello di Monaco di Baviera (recentemente replicato a Città del Messico) nei giorni scorsi nominato per l’ennesima volta vincitore del titolo di “Miglior ristorante italiano in Germania”.

Grazie a Umberto Bombana, il suo “Otto e Mezzo” di Hong Kong è riuscito in meno di tre anni (l’apertura è datata 26 gennaio 2010) a diventare uno dei locali più ricercati di Hong Kong. Per capirne l’esclusività basta osservare i dati: 45 dipendenti (22 dei quali solo in cucina), per una sessantina di coperti, suddivisi nelle tre sale curate nel design dal giapponese Jumpey Yamagiwa. Bombana ha ottenuto le tre stelle della prestigiosa guida rossa Michelin bruciando le tappe. Il grande successo del ristorante di Hong Kong è stato recentemente bissato da Bombana con i nuovi locali aperti a Shanghai e Pechino. Tra i piatti “forti” di Bombana, la “Costata di manzo al Valcalepio con gnocchetti al pepe fresco e cioccolato”, e “Astice alle spezie orientali”, entrambi presentati per il debutto di Pianeta GourMarte.

Cresciuto alla scuola di Gualtiero Marchesi, Mario Gamba ha affinato le sue doti di chef-imprenditore al fianco di Heinz Winkler al Tantris di Monaco di Baviera. Dopo varie esperienze di lavoro in locali di grido, proprio nella città bavarese ha conosciuto il successo personale aprendo alla metà degli anni Novanta l’Acquarello, insegna più volte insignito dalla stampa specializzata del titolo di miglior ristorante italiano in Germania.  Definito dai critici un “architetto del gusto”, Gamba ha fatto dell’italianità la sua bandiera, senza tuttavia indulgere a manierismi. La sua è una cucina colorata e profumata, basata sui prodotti autenticamente italiani che riesce ad approvvigionare direttamente dai produttori. Recentemente l’Acquarello (da molti anni stellato Michelin) è stato replicato a Città del Messico, rapidamente divenuto uno di locali di grido della metropoli centroamericana.

NOVITA’ 2013

SUL PIANETA GOURMARTE ATTERRA ANCHE IL CANTON TICINO

È solo alla seconda edizione, ma Pianeta GourMarte già allarga gli orizzonti ospitando il Canton Ticino. I protagonisti migliori della produzione agroalimentare della Svizzera che parla italiano saranno a fianco dei colleghi lombardi per dare lustro ad una manifestazione che ogni anno intende dare spazio ad un’altra regione, italiana o del resto del mondo. Selezionati con gli stessi criteri, avvalendosi di volta in volta della competenza degli esperti conoscitori delle realtà produttive del territorio, gli imprenditori, gli artigiani, i vignaioli e gli chef del Canton Ticino, faranno conoscere le loro peculiarità in un’area a loro dedicata. Secondo un programma in via di definizione, saranno presenti nell’area di Pianeta GourMarte dedicata alla degustazione dei prodotti alcune tra le più quotate cantine di produzione del Merlot del Ticino e degli altri vini cantonali; i migliori interpreti dei prodotti più tradizionali: formaggi, salumi, grappa, cioccolato. E naturalmente gli chef, già individuati: Bernard Fournier del ristorante da Candida di Campione; Dario Ranza del Principe Leopoldo di Lugano; Andrea Bertarini del Conca Bella di Vacallo-Chiasso.

LABORATORI, CONVEGNI E ALTRI EVENTI A PIANETA GOURMARTE

Nella “tre giorni” golosa di Pianeta GourMarte, saranno numerosissime le iniziative correlate che andranno a nutrire il ricco programma della rassegna. Innanzi tutto si rinnovano anche quest’anno i molti interessanti appuntamenti organizzati dall’Accademia del Gusto, laboratori pratici dedicati all’arte del cake design e della pizza, ma anche tavole rotonde e confronti su come gestire il rapporto tra la cucina e la sala, conoscere e utilizzare al meglio i social network per promuovere i propri locali e apprendere strategie di marketing innovative.

Sabato mattina ci sarà la presentazione del nuovo libro “Chef facile” del famoso cuoco Davide Oldani, maestro dei fornelli e allievo di Gualtiero Marchesi, che nel suo ristorante “D’O” alle porte di Milano ha inventato la cucina pop, formula fortunata che promuove l’alta gastronomia a prezzi contenuti.

Domenica GourMarte ospiterà una degustazione davvero eccezionale: la verticale della Cuvée Annamaria Clementi, vino simbolo e pluripremiato della cantina fanciacortina Cà del Bosco. La Riserva dedicata alla madre del patron Maurizio Zanella e fondatrice della maison, è un’etichetta preziosa che viene prodotta soltanto nelle annate eccezionali e dalle migliori uve selezionate nei vari cru aziendali. La degustazione sarà guidata dall’enologo Stefano Capelli.

Lunedì pomeriggio sarà la volta di uno dei piatti più importanti della cultura gastronomica lombarda, protagonista del convegno a cura dall’Associazione Promozione del Territorio di Bergamo “POLENTA BERGAMASCA E DINTORNI. Il buon cibo italiano tra innovazione, qualità e tradizione.”

Sempre lunedì, la lavorazione del Foie Gras non avrà più segreti per tutti quelli che avranno il piacere di assistere all’approfondimento tenuto dallo chef Bernard  Fournier del Ristorante da Candida di Campione.

Ma gli eventi non finiscono qui. Per essere aggiornati su tutte le novità in programma, consultare il sito internet www.pianetagourmarte.it

PREMIO VERONELLI 5a  edizione

Tra gli appuntamenti in programma, un capitolo a parte merita il Premio Luigi Veronelli, giunto alla quinta edizione. Nato nel 2006, a due anni dalla scomparsa del più grande giornalista e scrittore italiano di enogastronomia, il riconoscimento si propone di celebrare la figura del padre della cultura materiale italiana, declinata in temi di terra, cibi e vini.

La cerimonia delle premiazioni avverrà domenica direttamente nel cuore della manifestazione, in mezzo agli stand. Questa nuova collocazione (l’anno scorso le celebrazioni si erano tenute al Centro Congressi) darà la possibilità di partecipare a un momento di grande condivisione e riconoscimento delle eccellenze scelte dalla giuria del Premio, oltre che agli appassionati, anche ai vari rappresentanti delle numerose aziende presenti.

La scelta di assegnare il Premio Luigi Veronelli in occasione di Pianeta GourMarte si lega strettamente alla vita del più noto tra i giornalisti enogastronomici, che si è sempre battuto per il riconoscimento della qualità, del lavoro dei contadini e degli artigiani. Lo ha fatto dalla casa sui Colli di Bergamo, città d’elezione che ha amato profondamente.

Pianeta GourMarte ringrazia:

gli sponsor istituzionali (Banca Popolare di Bergamo, e Credito Bergamasco);

i partner (Camera di Commercio, Ascom, Accademia del Gusto, Bergamo Fiera Nuova);

gli sponsor tecnici (fonti Bracca, Cathay Pacific, Electrolux, Pentole Agnelli, Ristoteam, Ros, Saps);

i supporter (Associazione italiana sommelier Lombardia, Luigi Bormioli, Plasticarta Valoti, San Lucio Events)

PIANETA GOURMARTE 2013 – MENU’ TECNICO

ORARI MANIFESTAZIONE:

Sabato e domenica: 10.00 – 22.00

Lunedì: 10.00 – 18.00

ORARI AREA RISTORAZIONE

Sabato e domenica: 10.00 – 22.00

Lunedì: 10.00 – 16.00

TICKET:

Biglietto d’ingresso unico alla manifestazione: 20,00 euro.

Con registrazione online biglietto di ingresso unico ridotto: 15,00 euro.

Prezzi Ristorante in base alla scelta dei piatti.

Info:  www.pianetagourmarte.it

Segreteria Organizzativa

Tel. 035 – 3230911 – Fax 035 – 3230966